Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio. Continuando la navigazione si accettano i termini di utilizzo. Infomazioni.    Chiudi X

Cerca News

Time to care alle Acli di Padova

Time to care alle Acli di Padova

 

Il bando, promosso dal Dipartimento politiche giovanili e servizio civile universale, dal Dipartimento Politiche per la Famiglia e dal Forum Terzo Settore, promuove interventi di accompagnamento e sostegno di fronte al moltiplicarsi – anche a causa dello stato di emergenza sanitaria - di situazioni di bisogno/disagio delle comunità, con l’obbiettivo prioritario di favorire lo scambio intergenerazionale. Il progetto, della durata di 6 mesi, da novembre 2020 a giugno 2021, si avvale delle cosiddette ‘reti associative’ (associazioni di secondo livello), previste dal Codice del Terzo settore, con le attività sotto previste.

  1. assistenza a domicilio e/o a distanza da parte dei giovani nei confronti degli anziani (che rappresentano una risorsa culturale per il territorio e la categoria più fragile e considerata più esposta al contagio del coronavirus COVID-19);
  2. attività di “welfare leggero” (quali disbrigo di piccole faccende per persone anziane o bisognose: consegna di spesa, acquisto farmaci, contatti con i medici di base, pagamento bollette, consegne a domicilio di diversi beni, libri, giornali, pasti preparati o altri beni di necessità, ecc.);
  3. assistenza da remoto, anche mediante contatti telefonici dedicati all’ascolto e al conforto di chi è solo, o servizi informativi per gli anziani, anche on line.

 

https://politichegiovanili.gov.it/attivita/avvisi-pubblici-e-progetti/bando-time-to-care/

 

La proposta delle ACLI di Padova APS intende impiegare i giovani aderenti all’impegno progettuale, che verranno sottoposti ad un percorso di selezione così come previsto dal bando, in varie azioni, all'interno delle aree d'intervento 2 e 3, ed a supporto e sviluppo del già esistente servizio Sportello PASSO (punto di ascolto, sostegno sociale ed orientamento della Federazione ACLI Anziani e Pensionati).

 

https://www.aclipadova.it/index/index/id/84/fh/1/sportello_p_a_s_s_o.html

 

In particolare sono state individuate tre azioni prioritarie rispetto alle quali impiegare gli operatori, con la premessa imprescindibile ed ambiziosa, per la quale chiediamo la collaborazione di tutto il territorio nelle articolate espressioni associative o del privato sociale, di affiancare alcuni volontari , da reclutare/sensibilizzare, per poter dare continuità al progetto, una volta conclusa la fase di intervento prevista dallo stesso, ovvero  al fine di consentire un prosieguo delle azioni, anche se con intensità diversa, a progetto concluso.

 

AZIONE 1 - Sviluppo delle competenze tecnologiche dei destinatari.

Attraverso personalizzati interventi, e altri più generali in gruppo, gli operatori del progetto supporteranno gli utenti nell’apprendimento necessario per il corretto utilizzo di smartphone e relative applicazioni.

 

AZIONE 2 - Diffusione del fascicolo sanitario elettronico - Regione Veneto.

Promuovere, accompagnando la persona nella relativa attivazione, i fascicoli sanitari elettronici regionali tra la popolazione anziana della città di Padova.

La Regione Veneto ha attivato tale servizio che consente la gestione delle ricette mediche e l’accesso alla propria storia sanitaria, tutto via smartphone o PC.

 

AZIONE 3 -  Sviluppo nei quartieri della città dell’azione “Vòlano”.

Tale azione prevede il contatto “porta a porta” con pubblici esercizi ed attività commerciali (negozi alimentari, farmacie, parrucchieri, etc.) della città, lasciando del materiale informativo in distribuzione, i cui contenuti saranno focalizzati sull’attivazione delle forme di sostegno del Progetto Time to care e, più in generale, sulle strategie di prevenzione di situazioni di criticità e sull’approccio consigliato per un invecchiamento attivo.

In particolare si inviteranno gli esercenti a porsi in osservazione quali “antenne”, potendo così percepire eventuali situazioni-limite, che potrebbero giovare dell’intervento degli operatori di progetto, piuttosto che dello Sportello P.A.S.S.O. o dei servizi sociali territoriali.

 

Il progetto prevede, nella fase di implementazione, una formazione dedicata ai giovani operatori selezionati e congiuntamente anche ai volontari.

 

 

Per informazioni: padova@acli.it

Per l'invio delle domande: acli.padova@pec.it



Credits web4com